HomeCronacaIn Sicilia cresce il fenomeno degli "Hikikomori": segnali e interventi

In Sicilia cresce il fenomeno degli “Hikikomori”: segnali e interventi

Un silenzioso ma crescente esercito di giovani adulti si ritira dietro le porte delle proprie stanze, abbandonando le vie sociali e le attività quotidiane. Gli Hikikomori, termine giapponese che letteralmente significa “chi sta in disparte”, stanno emergendo come una realtà in aumento anche in Sicilia, con migliaia di individui coinvolti, secondo quanto evidenziato dal pediatra-deputato Gilistro.

Questo fenomeno, che colpisce principalmente giovani dai 14 ai 30 anni, è caratterizzato da segnali distintivi quali l’assenza dalla scuola, il ridotto contatto con coetanei, l’autoreclusione nelle proprie stanze e l’inversione dei ritmi sonno-veglia. Contrariamente alla percezione comune, gli Hikikomori non sono semplicemente giovani pigri o disinteressati allo studio o al lavoro; spesso sono individui dotati di talento, ma che scelgono di auto-isolarsi per motivi emotivi o psicologici.

Il protocollo d’intesa operante in Sicilia tra le istituzioni educative e le realtà che si occupano degli Hikikomori è un passo avanti significativo. Esso consente alle scuole di comprendere meglio il fenomeno e di adottare approcci alternativi per supportare questi giovani nel loro percorso educativo.

Giuseppe Pierro, direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, sottolinea l’importanza di dotare i docenti degli strumenti necessari per individuare e affrontare il disagio giovanile, al fine di prevenire situazioni di isolamento sociale. L’impegno della Sicilia nel dotarsi di operatori psico-pedagogici e di osservatori distribuiti sul territorio evidenzia un approccio proattivo verso la gestione di problematiche giovanili complesse.

Tuttavia, come sottolinea Pierro, l’impegno della scuola non può prescindere dal sostegno legislativo adeguato. È necessario un impegno congiunto delle istituzioni e della società nel suo complesso per affrontare in modo efficace il fenomeno degli Hikikomori e garantire a questi giovani opportunità di integrazione e sviluppo personale.

Solo attraverso un approccio integrato e solidale sarà possibile offrire un futuro migliore a questi giovani che si trovano in una condizione di isolamento e disagio emotivo.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments