HomeCronacaBanconote false da 20€ e 50€ circolano in Sicilia: come riconoscerli e...

Banconote false da 20€ e 50€ circolano in Sicilia: come riconoscerli e proteggersi

Nelle strade della Sicilia, si diffonde un’allerta riguardante l’emergere di banconote contraffatte, soprattutto nei tagli da 20 e 50 euro. Recentemente, le autorità hanno evidenziato casi di individui che cercano di introdurre denaro falso nell’economia locale, mettendo in guardia i cittadini sull’importanza di restare vigili.

Gabriele Urzì, dirigente nazionale Fabi e responsabile salute e sicurezza Fabi Palermo, ha sottolineato la necessità di non abbassare la guardia, facendo riferimento a recenti arresti di individui con grandi quantità di denaro contraffatto. Tra questi, un minorenne è stato catturato con 350 euro di banconote evidentemente false, mentre un ventenne è stato trovato in possesso di 17 banconote da 100 euro e altri 2.500 euro sospettati di essere falsi.

I dati della Banca Centrale Europea per il 2023 hanno rivelato che oltre il 70% delle banconote false ritirate dalla circolazione riguardavano i tagli da 20 e 50 euro. Nonostante ciò, è importante sottolineare che il numero complessivo di banconote contraffatte è tra i più bassi mai registrati.

Urzì ha consigliato ai cittadini di non temere la falsificazione, ma di rimanere vigili. Ha suggerito di utilizzare la regola del “toccare, guardare, muovere” per riconoscere le banconote autentiche: toccandole si può percepire una consistenza e una sonorità particolari, guardandole controluce si possono individuare il filo di sicurezza e la finestra con il ritratto della dea Europa, e muovendole si può notare il cambiamento di colore della cifra nell’angolo inferiore sinistro.

In caso di sospetto, è importante contattare immediatamente le forze dell’ordine o far esaminare la banconota da personale qualificato presso banche, uffici postali o filiali della Banca d’Italia. La collaborazione tra cittadini e autorità è essenziale per contrastare il fenomeno della falsificazione di denaro e proteggere l’integrità dell’economia locale.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments