HomeCronacaSicilia in Fuga: viaggi della speranza e disastro economico nel settore sanitario

Sicilia in Fuga: viaggi della speranza e disastro economico nel settore sanitario

Un grido d'allarme per l'urgenza di riforme e miglioramenti strutturali.

Il report annuale della Fondazione Gimbe, basato sui dati del 2021, evidenzia una tendenza preoccupante: un aumento significativo dei pazienti siciliani che si spostano in altre regioni italiane per ricevere cure mediche. Questi viaggi, spesso descritti come “viaggi della speranza”, sono motivati dalla ricerca di cure e assistenza ritenute superiori rispetto a quelle offerte nella regione.

Secondo il rapporto, la mobilità sanitaria interregionale in Italia ha raggiunto la cifra di 4,25 miliardi di euro nel 2021, con un saldo netto negativo per la Sicilia di oltre 177 milioni di euro. Questo dato mette in evidenza non solo la perdita economica per la regione ma anche l’allarmante fuga di pazienti alla ricerca di servizi sanitari di qualità altrove.

Le regioni del Nord, in particolare Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, sono identificate come principali destinazioni di pazienti provenienti da altre regioni, mentre il saldo passivo della Sicilia si colloca tra i più elevati a livello nazionale, superato solo da Campania e Calabria.

Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, sottolinea che la mobilità sanitaria riflette le diseguaglianze nell’offerta di servizi sanitari tra le diverse regioni e rappresenta una seria preoccupazione dal punto di vista sanitario, sociale, etico ed economico. La Sicilia, con un debito di oltre 177 milioni di euro, si trova tra le regioni più colpite da questo fenomeno.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments