HomeCronacaIl noto medico Angelo Giudice è la vittima dell'incidente sulla Pozzallo-Modica: bimbo...

Il noto medico Angelo Giudice è la vittima dell’incidente sulla Pozzallo-Modica: bimbo di 6 anni in prognosi riservata

La comunità siracusana è sotto shock per la tragica perdita del dottor Angelo Giudice, noto medico in pensione, ex primario specializzato in chirurgia toracica, e figura attiva nel mondo del sociale e del volontariato. Il drammatico incidente stradale che ha coinvolto il medico si è verificato nella tarda serata di ieri lungo la Statale 194, la superstrada che collega Pozzallo a Modica.

Giudice, 74 anni, stava facendo rientro nel capoluogo aretuseo a bordo di una Fiat Tipo quando si è scontrato con un’altra vettura, una Opel Corsa. La violenza dell’impatto ha causato la morte del medico siracusano, lasciando la comunità locale in lutto.

Il terribile sinistro ha coinvolto sei persone, tra cui un bambino siracusano di soli 6 anni, attualmente in prognosi riservata presso il Cannizzato di Catania a causa della gravità delle ferite riportate nell’incidente. Gli altri feriti sono stati trasportati agli ospedali Maggiore-Nino Baglieri di Modica e Giovanni Paolo II di Ragusa, dove ricevono cure e assistenza medica.

Il dottor Giudice, già primario dell’ospedale Umberto I di Siracusa, era una figura di spicco nel panorama medico locale, conosciuto non solo per la sua competenza professionale ma anche per il suo impegno culturale nel dibattito sulla figura del medico moderno. Dopo il pensionamento dal settore pubblico, continuava a contribuire alla comunità lavorando in una clinica privata di Siracusa.

La notizia della sua morte ha profondamente colpito l’opinione pubblica siracusana, che si stringe attorno alla famiglia Giudice in questo momento di dolore. Le autorità locali stanno indagando sulle circostanze dell’incidente per comprendere le dinamiche e le responsabilità. La perdita del dottor Angelo Giudice è un duro colpo per la comunità medica e per tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerlo e di essere stati curati da lui nel corso degli anni.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments