HomeCronacaAbbandona i rifiuti a Rosolini: individuato e sanzionato, si tratta di un...

Abbandona i rifiuti a Rosolini: individuato e sanzionato, si tratta di un Portopalese

A Rosolini è stato individuato il responsabile dell’abbandono di rifiuti provenienti da Portopalo. Il colpevole è stato costretto a ripulire a proprie spese l’area deturpata. L’azione è stata possibile grazie alla collaborazione tra gli agenti del Corpo di Polizia Municipale di Rosolini e i colleghi di Pachino.

I rifiuti abbandonati, originari da una cantina a Portopalo, hanno lasciato un percorso di detriti fino alla strada di accesso all’eremo di Croce Santa a Rosolini. Gli investigatori hanno risalito all’autore del misfatto grazie a documenti rinvenuti tra i vestiti abbandonati. Pare che un cittadino di Portopalo avesse richiesto l’aiuto di un artigiano locale per ripulire la sua cantina, ma invece di consegnare i rifiuti al centro comunale di raccolta di Pachino, sono stati illegalmente depositati a Rosolini.

Il proprietario della cantina è stato immediatamente contattato dai vigili urbani del Comune di Pachino, su segnalazione dei colleghi di Rosolini. Esso si è dichiarato profondamente rammaricato per l’accaduto, pensando che i rifiuti fossero stati consegnati correttamente al centro di raccolta. All’artigiano responsabile gli è stata imposta l’obbligazione di ripulire l’area a sue spese.

Il sindaco Giovanni Spadola, visibilmente scontento per l’atto vandalico, ha dichiarato: “non ci sarà alcuna tolleranza per quanti deturpano l’ambiente”.

La multa applicata all’uomo in questione non è inferiore a 516 euro.

Questo ennesimo caso di abbandono illecito di rifiuti evidenzia l’impegno costante delle autorità locali nel preservare la pulizia e il decoro della città. Gli agenti del Corpo di Polizia Municipale di Rosolini e Pachino, insieme all’amministrazione Spatola, hanno dimostrato efficacemente che chi deturpa l’ambiente deve riparare al danno causato, garantendo così che l’impunità non sia un’opzione per chi trascura il bene comune.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments