HomeCronacaProtesta in Sicilia contro la chiusura di 105 Scuole: la Cgil avvia...

Protesta in Sicilia contro la chiusura di 105 Scuole: la Cgil avvia una petizione

Nella regione Siciliana, la decisione del governo nazionale di ridurre del 10% il numero delle autonomie scolastiche ha scatenato una vivace protesta. La Flc Cgil Sicilia ha lanciato una petizione online per opporsi a questa mossa, che comporterebbe la chiusura di ben 105 scuole su 802 nei prossimi 3 anni.

Il documento della Flc Cgil Sicilia esprime un netto rifiuto nei confronti della decisione governativa, sottolineando che questa scelta avrebbe gravi ripercussioni sul sistema educativo regionale. L’obiettivo della riduzione delle autonomie scolastiche sarebbe principalmente risparmiare 88 milioni di euro, eliminando le reggenze dei dirigenti scolastici e dei direttori amministrativi.

La Flc Cgil Sicilia prevede che le aree interne della regione e le piccole comunità scolastiche saranno le più colpite da questa decisione, in particolare quelle situate in territori poco popolati e isolati, come le zone montane e le piccole isole. La petizione sostiene che questa misura danneggerà ulteriormente un sistema d’istruzione già fortemente penalizzato da elevati tassi di povertà educativa e dispersione scolastica.

La Flc Cgil ha lanciato un appello urgente alla popolazione, chiedendo di firmare la petizione per convincere il governo nazionale a fare marcia indietro. La speranza è che anche il governo regionale si opponga a questo decreto legislativo, seguendo l’esempio di altre regioni italiane che hanno già preso posizione contro la decisione.

In un momento in cui l’attenzione sull’istruzione è cruciale per il futuro delle nuove generazioni, la protesta in Sicilia evidenzia la preoccupazione per le scelte che potrebbero compromettere il sistema educativo regionale e le opportunità di apprendimento per gli studenti.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments